SALVATORE LIISTRO

SALVATORE LIISTRO

Salvatore Listro, scultore siciliano di origine greca, dà vita a bocche, colorate e squisitamente Pop, spesso realizzate con materiali di scarto.

L’attenzione all’ambiente, e al recupero di elementi destinati al macero, va di pari passo con il suo essere artista. Di carattere ottimista e positivo, Salvatore Liistro rifugge polemiche violente o negative e, per condurre la sua campagna per un mondo più pulito, ha scelto delle bocche sorridenti portatrici di un messaggio, forte, ma sempre positivo.

La bocca rivela quello che, per l’artista, è il (nobile) scopo dell’arte: portare un messaggio edificate e costruttivo ed essere in grado di comunicare con il pubblico.

Un’arte bella e buona – non per niente le sue origini greche lo legano indissolubilmente all’ideale del kalos hai agathos di Fidia – dove è veramente la bellezza a salvare il mondo.

Le opere di Salavtore Liistro rivelano una grande abilità scultorea frutto di una gavetta, iniziata da giovanissimo, nelle più importanti botteghe di restauro Torino, città in cui vive e ha lo studio.

Il contatto con la scultura antica, nella fattispecie le Madonne lignee del ‘400, gli ha conferito una mano in grado di plasmare la materia in modo armonioso e dolce.

Insegnante, restauratore e collezionista, approda all’attività di scultore partendo da rappresentazioni figurative classiche. Dopo anni di studio dei maestri antichi e moderni alla ricerca di connessioni tra l’eredità del passato e le possibilità contemporanee, scopre materiali di scarto, spesso creando direttamente in fabbriche e industrie.

Testimoni delle vite di chi li ha utilizzati e dell’energia dell’intelligenza di chi ha dato loro una forma (inventori, designer, ingegneri), i materiali di consumo rivivono una nuova gioventù in opere pop, etiche e rispettose del pianeta. 

Salvatore Listro è trattato da importanti gallerie in Italia e all’estero, è stato protagonista di importanti mostre personali e collettive, vincendo spesso prestigiosi premi.